vendere casa | senza agenzia

Vendere tra privati, ne vale davvero la pena?…Parte 1

Nella classifica delle cose più stressanti da compiere nella propria vita vendere casa occupa sicuramente uno dei primi posti del podio.

Seconda solo al trasloco, vendere un immobile è un’azione (o forse un progetto?) che porta via energie fisiche e mentali.

Tante pratiche burocratiche, documenti da presentare, nuovi possibili acquirenti con cui trattare, e poi le pulizie, eventuali riparazioni o ristrutturazioni, insomma una vera e propria spesa sia in termini d’impegno pratico che economico.

Se a tutto questo aggiungiamo le spese d’intermediazione, richieste dalle agenzie per gestire la vendita, la situazione potrebbe diventare insostenibile.
Ecco perché tante persone scelgono di non affidarsi ad agenzie o agenti immobiliari ma preferiscono vendere da privato.

Da dove iniziare? E quali sono i vari step da compiere?

Sicuramente la prima regola da seguire è quella di creare un vero e proprio programma di lavoro, per destreggiarsi tra i vari compiti secondo necessità, rispettando i tempi giusti e senza dimenticare nulla.
Il primo passo da compiere è in assoluto quello di sistemare o predisporre la casa, in modo tale che risulti al massimo delle sue potenzialità.

Ordine, pulizia e accoglienza saranno le tre parole d’ordine.

Bisogna mettersi nei panni dell’acquirente e curare ogni dettaglio, dagli angoli più nascosti e meno vissuti, ai dettagli più superficiali.
Un’attenzione particolare va dedicata ad eventuali pareti da ritoccare, muffa, impianti vecchi o da rivedere, problematiche che potrebbero incidere sul prezzo e sull’immagine generale dell’immobile.

Una volta fatto questo si passa allo step successivo: stabilire il prezzo di vendita.

Il costo di un’abitazione si calcola sulla base di diversi fattori determinanti, quali lo stato di manutenzione interno ed esterno, la classe di efficienza energetica, la presenza o meno di comfort, la misura della superficie, e non in ultimo la posizione.

C’è chi confronta i prezzi di altre case simili, chi si affida a piattaforme online che danno supporto in questo compito gratuitamente (previo l’inserimento di dati specifici), oppure chi si affida a periti, soprattutto per immobili di pregio, che effettuano una vera e propria valutazione dell’immobile.

Pubblicizzare la vendita e gestire i contatti, 2 fasi essenziali quanto complesse.

Il materiale da vendere è pronto, il prezzo è stabilito, quindi non resta che trovare i nuovi possibili acquirenti.

Se è vero che il passaparola resta una delle strade comunicative più potenti, è anche vero che le possibilità di trovare la persona giusta aumentano se aumenta la portata delle persone che vengono a conoscenza dell’annuncio.

Il web rappresenta sicuramente un importante strumento per promuovere la propria offerta di vendita, dai social alle piattaforme dedicate, i canali online sono tanti e (quasi) tutti a costo zero.

Una descrizione chiara, completa e senza giri di parole, delle foto nitide, con una luce adeguata e una buona risoluzione rappresentano elementi imprescindibili per un buon annuncio.

Naturalmente più saranno i canali utilizzati, online e off line, più aumenteranno le opportunità di vendita.

Abbiamo già affrontato tanti punti eppure siamo solo a metà dell’opera.

Il bello deve ancora venire ma se siete già stanchi avrete modo di riposare…perché il resto lo scopriremo nel prossimo articolo!

Torna su